Recensione libro: Apriamo le porte alla scienza

L. Spairani


-Titolo: Apriamo le porte alla scienza
- Autore: K. Kennedy U. Veronesi
-Casa Editrice: Sperling PaperBack
-Anno Pubblicazione: 2006
-Prezzo: 9,20 €
-Pagine: 166

Il libro raccoglie parzialmente gli atti del convegno "Il futuro della scienza" tenutosi a Venezia nel settembre 2005 con alcuni interventi dei promotori dell'iniziativa. Della conferenza si è parlato, ma non abbastanza, sui media. L’obiettivo della conferenza, organizzata dalla Fondazione Veronesi, dalla Fondazione Tronchetti Provera e dalla Fondazione Cini, era proprio quello di avvicinare i media e i non addetti alla scienza e ai suoi grandi temi, soprattutto là dove entrano in gioco problematiche etiche e politiche.
Alla fine dei lavori la conferenza di Venezia ha prodotto una “Carta di Venezia”, sottoscritta da molti dei presenti, che auspica un dialogo maggiore e la costituzione di un’Authority, composta da teologi, filosofi, politici e scienziati per discutere e poi deliberare sui temi della scienza che toccano la coscienza.
I dibattiti che si sono accesi a livello internazionale attorno alle questioni dell'eutanasia, della fecondazione assistita, dell'utilizzo a scopo terapeutico di cellule staminali embrionali e dell'impiego di organismi geneticamente modificati in agricoltura dimostrano con quanta diffidenza siano ancora considerate le ricerche scientifiche. L'intervento sul patrimonio genetico degli esseri viventi suscita timori viscerali: chi porrà dei limiti alle modificazioni possibili sull'uomo, chi proteggerà l'ambiente, chi deciderà sulla legittimità dell'uso di certe tecniche? Il libro raccoglie commenti e approcci diversi a queste problematiche. La lettura è agevole e stimolante; gli interventi sono raccolti in due sezioni "la scienza e i valori" e "la scienza e i poteri"; alcuni contributi sono polemici, altri troppo accademici ma tutti sanno offrire idee o suggestioni su cui riflettere.
Per esempio in “ Le sfide politiche della rivoluzione scientifica “, K Kennedy esamina diverse situazioni storiche in cui una classe politica dirigente ha preso posizione su come usare la scienza a vantaggio della propria nazione. Il caso emblematico negativo fu la Cina dei Ming del XV secolo:aveva conoscenze scientifiche elevatissime e si chiuse per proteggere la propria conoscenza e il potere conseguente, decretando così l’inizio del suo declino. K. Kennedy conclude indicando le tre grandi sfide che la società del terzo millennio si trova di fronte: proteggere la salute pubblica, salvaguardare l’ambiente e sviluppare la comprensione della mente umana.
Un altro intervento importante evidenzia il nesso tra diritto e scienza; non c'è legislazione su come utilizzare le scienze nella comunità civile (e.g. conoscenza del D.N.A. di una persona o di un parente può dare informazioni utili per la polizia, ma dannose per la privacy a cui tutti abbiamo diritto), per legiferare bisogna risalire ai diritti fondamentali dell'uomo che si contano sulle dita di una mano. E’ necessario perciò definire un diritto internazionale e a questo scopo esiste un gruppo di lavoro internazionale di giudici, che hanno fondato un'associazione per approfondire. Tutti gli interventi pongono in genere attenzione sull’equilibrio necessario fra scienza e cultura e sull’importanza di accogliere posizioni differenti. Proprio sull’importanza di queste differenze nel mondo della scienza basterebbe ricordare una frase attribuita a K. Popper:"Se non ci fosse stata la torre di Babele avremo dovuto costruirne una": solo la varietà di idee consente un'evoluzione positiva del pensiero.
Insomma il libro è da leggere; in genere il linguaggio è semplice e le tante citazioni presenti sono splendide. I singoli interventi possono essere letti in un ordine qualsiasi e ognuno può dare spunti a discussioni utili anche a fini didattici.
Gli autori del libro sono di per sè dei personaggi: Umberto Veronesi, emerito oncologo e Kathleen Kennedy, figura attiva politicamente in USA, figlia di Robert Kennedy.
Nel 2006 si è tenuta la seconda conferenza sul futuro della scienza sul tema "Evolution": da aspettare pregustandolo il prossimo libro con gli atti del convegno. A settembre 2007 si è tenuta la terza conferenza.

[011.LS.TDF.2007 - 07.12.2007]